CuriositàLa donna accusa Facebook di spiare le sue conversazioni e...

14/12/2018 - 12h

Adelaide Bracey, 23 anni, ha accusato il social network di bombardare il suo profilo di annunci pubblicitari, dopo aver parlato con un amico. 

Sicura che violi la sua privacy.

Una donna, identificata come Adelaide Bracey, 23 anni, è rimasta inorridita dopo aver visto gli annunci che Facebook le ha mandato dopo aveva parlato solo con un caro amico, attraverso la chat.

La giovane donna, originaria di Sydney (Australia), ha espresso preoccupazione per le pubblicità sui social network dopo una serie di incidenti "spettrali".

Qualche settimana fa, aveva chiacchierato con un amico sulle saune quando le pubblicità di saune apparivano sulla sua pagina Facebook e senza il suo consenso.

"Non ho cercato niente Google, e appare come un annuncio sul mio Facebook. È davvero inquietante. Monitorano le conversazioni private ", ha detto all'Australiana.

"Scrivo qualcosa una volta o cerco qualcosa e mi arriva nei prossimi giorni, e a volte appare anche quando non l'ho cercata su Google, ma ho parlato con un amico", ha affermato.

Bracey è proprietaria della compagnia di intrattenimento per bambini Periwinkle Parties e riceve anche annunci per la scuola dei bambini; tuttavia, lei non ha figli suoi.

Continua a leggere...

Investigheranno sulle reti:

L'Australian Competition and Consumer Commission (ACCC) ha messo in discussione il modo in cui gli utenti dei social network sono l'obiettivo delle aziende che cercano di vendere un prodotto.

L'ACCC propone di modificare la legge sulla privacy per creare un controllo migliore su come Google e Facebook possono tracciare e utilizzare i dati di Internet.

I crawler pubblicitari vengono utilizzati per monitorare il comportamento online degli utenti. Raccogliendo dati, la società di marketing può indirizzare gli annunci online.

Il presidente di ACCC, Rod Sims, ha affermato che gli utenti dei social network potrebbero essere più riluttanti a condividere la cronologia delle ricerche se sapessero come vengono utilizzati i dati.

"I dati raccolti dai consumatori che usano (Google e Facebook) vanno ben oltre i dati che gli utenti forniscono attivamente quando utilizzano i servizi della piattaforma digitale", ha affermato Sims.

L'ACC desidera vedere un'opzione di inclusione volontaria in modo che i consumatori possano raccogliere i loro dati.

Tags
facebookdonnaprivacychatannuncipubblicit
Loading...