Cronaca

"L'articolo 5 della Nato è un obbligo sacro". Cremlino:"Gli insulti Usa riducono lo spazio delle trattative"

  • Il capo gabinetto di Zelensky: "Delusi dai vertici Nato e Ue. Ci aspettavamo più coraggio, decisioni più forti"
  • "Vladimir Putin è un macellaio". Lo afferma Joe Biden durante l'incontro con i rifugiati ucraini a Varsavia. Il presidente Usa ha poi ribadito il sostegno americano alla Polonia. "Riteniamo l'articolo 5 della Nato un obbligo sacro", ha detto Biden riferendosi a quella parte del trattato secondo cui un attacco armato, contro uno o più membri dell'Alleanza, sarà considerato come un attacco diretto contro tutte le parti.

    Incontrando, sempre a Varsavia, i ministri di Esteri e Difesa di Kiev, Biden ha poi assicurato che gli Stati Uniti resteranno al fianco dell'Ucraina fino alla vittoria."Niente costringerà gli Stati Uniti a voltare le spalle all'Ucraina o indebolirà il nostro sostegno. Al contrario, questo sostegno non potrà che crescere", ha aggiunto il presidente Usa.

    Biden ha poi garantito "ulteriori sforzi per aiutare l'Ucraina a difendere il suo territorio" e per far sì che il presidente russo Vladimir Putin "risponda per la brutale aggressione da parte della Russia, comprese nuove sanzioni".

    Dopo le parole di Biden non si è fatta attendere la reazione di Mosca. "I nuovi insulti di Biden a Putin restringono ulteriormente la finestra di opportunità per ricucire i rapporti tra Russia e Stati Uniti". Lo afferma il Cremlino, citato dalla Tass. "E' strano sentire accuse contro Putin da Biden, che ha invitato a bombardare la Jugoslavia e a uccider* le persone", ha quindi aggiunto il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov. 

    "Siamo molto delusi dal risultato dei vertici della Nato e dell'Ue": lo ha affermato Andriy Yermak, capo di gabinetto del presidente ucraino Zelensky, intervenendo in video all'Atlantic Council di Washington, uno dei principali think tank Usa. Yermak, riporta il Washington Post, ha quindi criticato la linea portata avanti da Stati Uniti ed Europa definendola di "acquiescenza". "Ci aspettavamo più coraggio, decisioni più forti. Invece la Nato sembra preoccupata più a non provocare la Russia e ad evitare una escalation del conflitto. Mentre noi abbiamo bisogno di cose molto concrete e siamo costretti a ricordarvelo ripetutamente".

    Tags
    natobidenputinmacellaio
    COMMENTA