Curiosità

In un commosso gesto di generosità, un padre consola un giovane che ha investito accidentalmente sua figlia

I figli sono i beni più preziosi dei loro genitori. Ogni giorno, si sforzano di offrire loro il meglio con i loro mezzi e di proteggerli dai danni.

Tuttavia, a volte, non importa quanto siano compromessi, possono verificarsi incidenti che, a loro volta, giungono a minacciare la stabilità dei bambini. In situazioni come questa, è normale che i genitori si arrabbino, cercando la colpa e facendo tutto il possibile per farli pagare per i loro errori, ma ci sono alcuni che sono in grado di guardare l'intera situazione e mostrare comprensione a coloro che accidentalmente causano danni senza averlo voluto. 

È il caso di un padre, che vive a Colombo, regione metropolitana di Curitiba (Brasile). Ha entusiasmato i social media in un gesto emotivo di empatia.

Secondo un sito, sua figlia di 10 anni, Haghatta, è stata investita quando è andato a cercare una palla.

L'oggetto si trovava dall'altra parte della strada e, mentre correva per prenderlo, è improvvisamente scesa da dietro un autobus, a quel punto è stata investita. Il conducente del mezzo ha provato a frenare, ma non è riuscito a evitarla.

L'autista, che non ha commesso alcuna infrazione, non è scappato, anzi, molto scosso dalla situazione ha chiesto scusa al padre della bambina.

Contrariamente a quanto molti potrebbero pensare, la reazione di questo padre non è stata quella di iniziare una rissa o incolpare l'ignoto. Rendendosi conto in quanto sgomento fosse l'autista. Fu quello il momento che lo consolò e lo abbracciò, vedendo la sincerità nel suo cuore.

La ragazza Haghatta, ferita nell'incidente stradale, è rimasta sette giorni all'Ospedale. La famiglia ha preparato per lei una festa di ricevimento, con poster di "Benvenuto", palloncini e un'atmosfera molto affettuosa non appena è tornata a casa.

Se questo articolo ti è piaciuto, lascia un commento e condividilo con i tuoi amici!

Tags
emozionisentimentipensieriamorecompassioneempatiafigliaincidentepadre
COMMENTA