Curiosità

Il saggio pensa, il saggio medita, l'imbecille pubblica notizie false

L'imbecillità è caratterizzata da una mancanza di intelligenza dovuta al disturbo della psiche, che si manifesta nelle parole e nelle credenze di alcuni soggetti, che li condannano all'ignoranza.

È associato alla violenza, come avvertiva il fisico Albert Einstein: "L'uomo libero, creativo e sensibile plasma il bello ed esalta il sublime, mentre le masse sono ancora trascinate da una danza infernale di imbecillità e stupidità".

Oggi i social network cedono il passo alla danza infernale della globalizzazione della disinformazione, all'annebbiamento della violenza, alla negazione della scienza e alla rinuncia ai valori civilizzatori.

Il filosofo Umberto Eco ha previsto che "i social media davano diritto di parola alle legioni di imbecilli, che prima parlavano solo al bar, dopo un bicchiere di vino, senza arrecare danno alla collettività".

Non c'è dubbio che i social media siano diventati una colossale arena pubblica di idee, un risultato straordinario. Nonostante ciò, vengono utilizzati come tribunali d'accusa, senza diritto di difesa, dove i discorsi riduzionisti squalificano chi la pensa diversamente.

In effetti, una delle leggi dell'imbecillità sono le teorie del complotto che guidano le proteste legate al covid-19, che creano un clima ancora più cupo per la vita sociale, già così colpita dalla crisi sanitaria e dalle sue conseguenze economiche.

Pertanto, le persone vengono automaticamente giudicate e "bruciate sul rogo". È un moralismo, senza limiti, che toglie il diritto di contraddire e distrugge la reputazione di personalità o aziende.

La tendenza ad attaccare gli altri era limitata nelle sale riunioni, ma ora si rivolge a Internet per sfruttare la paura del coronavirus e distruggere la credibilità delle istituzioni politiche, giornalistiche e scientifiche.

Da un punto di vista psicoanalitico, l'imbecillità e le teorie del complotto costituiscono un trasferimento esagerato di sentimenti di rabbia o frustrazione, che portano a una competizione che deve avere un vincitore e un perdente, che non si preoccupa dei danni causati da questo "tiro alla fune."

Tuttavia, stiamo pagando un prezzo elevato per imparare a gestire la connessione tra vita reale e vita virtuale, che richiedono l'equilibrio dei nostri sentimenti e volontà, come dice il proverbio: "il tuo diritto finisce dove iniziano gli altri", che coinvolge il buon senso e l'etica, cioè i diritti e doveri garantiti dalla legge.

Dopotutto, le persone sensibili e i creatori sanno come modellare il bello ed esaltare il sublime nel mondo reale e nel mondo virtuale, poiché non entrano in questa danza infernale.

Se questo articolo ti è piaciuto, lascia un commento e condividilo con i tuoi amici!

Tags
emozionisentimentipensieriattualità.saggiomeditaimbecillitàsocialmondovirtuale
COMMENTA