Dopo l’operazione chirurgica che gli ha asportato parte del pancreas e il tumore, Fedez è ritornato a casa e apparentemente, alla sua vita di prima. In realtà le cose non stanno proprio così, come ha spiegato il chirurgo che lo ha seguito.

L’operazione chirurgica a cui si è sottoposto Fedez è andata bene. Il cantante si è liberato dal tumore che lo aveva colpito al pancreas e come a detta di molti esperti, molto importante sono stati i tempi, con i quali si è intervenuti.

Il rapper è tornato a casa e si è rimesso all’opera con i suoi video e i suoi post che macinano ogni volta, milioni di visualizzazioni. Fedez quindi, dopo aver rassicurato tutti i suoi fan sulle sue condizioni di salute, è tornato a immortalarsi nella sua quotidianità, con video che fanno sorridere, come quando gioca con i suoi bambini, soprattutto con Leone, quando dà la pappa alla sua piccolina Vittoria. A questo punto, molti si chiedono se Fedez  ha realmente vinto la guerra contro il cancro? È già acqua passata? A rispondere ci ha pensato Massimo Falconi, il professore che l’ha operato, durante un’intervista rilasciata a Repubblica.

Fedez è tornato a casa e tutti sono felici per questo. Finalmente ha ripreso la sua quotidianità, ma le cose probabilmente, non sono più come prima, come ha riferito il chirurgo che l’ha operato, Massimo Falconi, ordinario all’Università Vita Salute e primario di Chirurgia del pancreas al San Raffaele di Milano, che in un’intervista rilasciata a Repubblica ha detto che “in generale, il percorso di cura di queste neoplasie non si esaurisce mai con il solo intervento chirurgico. I controlli, nel tempo, sono e rimangono fondamentali. La loro frequenza varia a seconda della ‘cattiveria’ che il tumore dimostra sulla base dell’esame istologico e di alcuni parametri patologici. All’inizio sono sempre ogni sei mesi. Poi possono diradarsi e avere un intervallo annuale. Ma non solo: per esempio, sappiamo che un tumore neoendocrino ‘funzionante’ come l’insulinoma del pancreas, generalmente ha un rischio di recidiva molto bassa. Ma non è sempre la norma, quindi continuare con i follow up è fondamentale”.

Ciò significa che Fedez per molti anni, da adesso in poi, dovrà tenere sempre sotto controllo la sua salute, sottoponendosi ad esami e quant’altro. Forse è ancora presto per dire che il male sia stato sconfitto, ma la cosa più importante è vivere il presente, che per il rapper è sicuramente ricco di amore, quello della moglie Chiara Ferragni e dei suoi splendidi bambini.