Fedez si è operato qualche giorno fa e adesso tutti si chiedono se la sua vita tornerà come prima. In realtà il rapper dovrà sottoporsi spesso a visite di controllo, per monitorare la situazione e assicurarsi che tutto procede per il meglio.

A rivelarlo è stato proprio il professore che ha eseguito l’intervento chirurgico per l’asportazione del tumore, il dottor Massimo Falconi, primario di Chirurgia del pancreas al San Raffaele di Milano che a Repubblica ha rivelato:

“L’esame istologico ci permette di valutare alcuni fattori prognostici che possono condizionare o meno il rischio che la malattia si ripresenti. In generale, il percorso di cura di queste neoplasie non si esaurisce mai con il solo intervento chirurgico: i controlli, nel tempo, sono e rimangono fondamentali. La loro frequenza varia a seconda della ‘cattiveria’ che il tumore dimostra sulla base dell’esame istologico e di alcuni parametri patologici.”

Fedez è tornato in ospedale

Giusto in queste ore Fedez ha voluto aggiornare i follower con una stories in cui appare insieme all’equipe medica che lo sta seguendo:

“Piccola visita di controllo a due settimane dall’operazione con la mia gang di chirurghi preferita.” Scrive il rap sullo scatto che lo ritrae con i dottori.

I controlli quindi sono una routine adesso per Fedez. “All’inizio sono sempre ogni sei mesi. Poi possono diradarsi ed avere un intervallo annuale”, ha specificato inoltre Falconi. La visibilità di Fedez  se non altro, permette a chi ha il suo stesso problema ed è meno famoso, di saperne di più e di avere, si spera, maggiore attenzione.