News

Detersivi altamente nocivi per la salute: la lista è lunghissima. Riportali al negozio

  • Lo scorso anno, il laboratorio cantonale di Basilea, analizzando 50 detersivi, ne ha segnalati 18 come "un rischio immediato per la salute o per l'ambiente".
  • Il laboratorio aveva chiesto lo stop alle vendite di questi detersivi altamente nocivi ma, nonostante la segnalazione pubblica, alcuni di questi detersivi sono tuttora in vendita in Svizzera. Così, la rivista K-Tipp torna a parlarne. K-Tipp aveva lanciato l’allarme nel 2021, dopo aver ricevuto la lista dei prodotti pericolosi dal laboratorio di Basilea in base alla legge sull’informazione pubblica.

    Cosa contengono di preciso i detersivi finiti nella lista nera?

    I detersivi segnalati e resi noti contengono sostanze corrosive e potenzialmente pericolose, usate senza le dovute avvertenze per gli utilizzatori.

    La rivista K-Tipp ha spiegato che molti produttori minimizzano i rischi di certe sostanze chimiche corrosive impiegate senza preavviso. Soltanto 2 dei 50 detersivi esaminati erano conformi ai requisiti di legge. In particolare, la rivista svizzera cita il Cif Crème Citrus (in una certa versione venduta in Svizzera) che, nonostante la segnalazione, viene ancora venduta con la stessa confezione colorata dei fumetti.

    Lo stesso discorso vale per il detersivo “Wilderness Wash”: si trova tuttora sugli scaffali dei negozi senza l’avviso obbligatorio che deve contenere.

    Detersivi altamente nocivi: i prodotti segnalati

    Riportiamo, di seguito, l’elenco dei prodotti segnalati e resi noti da K-Tipp, suddivisi in base al tipo di rischio.

    Detersivi per piatti irritanti per gli occhi in cui mancava un’indicazione o avviso di questo effetto:

    Coop (Svizzera) “Oecoplan Camomille”; “Biobaula Öko” (venduto nei negozi bio); “Sodasan Lemon Freshness” (venduto nei negozi bio); “Sea to Summit Wilderness Wash” e “Laundry Wash” (venduti in mercati e bancarelle svizzeri).

    Detersivi pericolosi per i bambini (sembrano giocattoli o sciroppi, possono metterli in bocca o ingerirli):

    per lavastoviglie “Fox” venduto nelle Coop (Svizzera) in edizione limitata “Aquatic” (riporta l’immagine di un pesce pagliaccio e corallo); “Fox” variante “Raspberry” con disegno di frutta rosa; “Cif Crème Citrus” di Unilever (ediz. “La Svizzera si traveste”) che riporta le immagini di due bimbi dei cartoni animati.

    Detergenti per pulizie speciali più controversi:

    per piscine “Reva-Sol Acide” contenente il tensioattivo vietato ottilfenolo etossilato: una volta nell’acqua, anche in quantità minime, può danneggiare gli organi riproduttivi dei pesci; “WM 33” per pulire i mop (mocio) e “Carela Gips-Ex”, detergente per la dissoluzione dei depositi di gesso contenente una quantità eccessiva di EDTA, scarsamente biodegradabile che può provocare l’accumulo di metalli pesanti in acqua.

    Tags
    detersivinocivisegnalazionesalute
    COMMENTA