Chiara Ferragni è indubbiamente la regina della moda internazionale. L’imprenditrice digitale sorprende sempre con i suoi look attuali e audaci, spesso oggetto di critiche dai benpensanti secondo cui la donna, in quanto mamma, dovrebbe optare per degli outfit più castigati. Ma Chiara non ci sta, e ama stuzzicare gli haters mostrandosi sexy. Dallo scatto completamente nuda in vasca da bagno, fino alle foto in lingerie, la Ferragni insegna ai followers che una madre non deve perdere il suo sex-appeal e voglia di mostrarsi.

Nonostante l’impronta gender fluid, dei suoi capi, de Saint Sernin negli ultimi anni si è avventurato nell’abbigliamento femminile. In questo caso l'ispirazione del designer proviene dagli anni '90, l'era delle grandi top-model, non tralasciando la sua impronta sensuale giocata sulle trasparenze. Nel 2020 Ludovic de Saint Serni ha messo a punto una collezione tailor-made di capi realizzati in maglia di cristalli Swarovski. Ludovic de Saint Serni è già amatissimo dalle celeb. Da Zendaya a  Kim Kardashian, pasasando per Dua Lipa e Miley Cyrus in tantissime ormai sfoggiano capi firmati Saint Serni, e Chiara Ferragni non poteva che cavalcare la tendenza.

Il post dello scandalo

Anche questa volta la regina dell’influencer ha dato una lezione memorabile ai detrattori mostrandosi seducente con un completo realizzato di soli cristalli Swarovski. Nello scatto postato su Instagram la ragazza ha evidenziato il suo dérriere, incorniciato dai pantaloni brillanti che lasciano intravedere la pelle.  “POV: io che mi guardo le spalle dagli haters ?”, ha scritto Ferragni ha corredo delle foto. Una frase evocativa in barba agli odiatori del web.   “POV: io che inciampo sulle scale”, ha commentato ironico il marito Fedez. Nonostante tanti feedback entusiasti, come di consueto non sono mancate le critiche. “Troppo volgare”, “Orribile”, scrivono alcuni.

Ma da dove proviene il completo sfoggiato dalla Ferragni? Si tratta di una creazione dello stilista emergente Ludovic de Saint Serni. Nato a Bruxelles, cresce in Costa d’Avorio, per poi trasferirsi Parigi. Si iscrive corso di Fashion Design presso l’ESAA Duperré, per poi lavorare in prestigiose maison quali, Dior e Balmain. Successivamente fonda il brand che porta il suo nome. Marchio di fabbrica dello stilista i capi in pelle con occhielli dal gusto fetish, ispirati da artisti come Robert Mapplethorpe, Ludovic de Saint Sernin usa infatti l’abbigliamento per sondare l'universo della sessualità gay. Oggi gli iconici slip, replicati in diversi tessuti, stampe, o abbelliti con applicazioni e strass, rappresentano quasi il 40% delle sue vendite. L'intuizione di Saint Sernin è stata sviluppare una categoria merceleogica nuova, inserendosi in una nicchia di mercato ancora pressoché sconosciuta: la biancheria intima di lusso per lui. 

Nonostante l’impronta gender fluid, dei suoi capi, de Saint Sernin negli ultimi anni si è avventurato nell’abbigliamento femminile. In questo caso l'ispirazione del designer proviene dagli anni '90, l'era delle grandi top-model, non tralasciando la sua impronta sensuale giocata sulle trasparenze. Nel 2020 Ludovic de Saint Serni ha messo a punto una collezione tailor-made di capi realizzati in maglia di cristalli Swarovski. Ludovic de Saint Serni è già amatissimo dalle celeb. Da Zendaya a  Kim Kardashian, pasasando per Dua Lipa e Miley Cyrus in tantissime ormai sfoggiano capi firmati Saint Serni, e Chiara Ferragni non poteva che cavalcare la tendenza.