CuriositàPerché le relazioni moderne sono così facilmente instabili?

09/02/2018 - 13h

Perché è così difficile mantenere una relazione oggi? Perché ci lasciamo così spesso, anche se ci sforziamo molto per amare? Perché le persone sono improvvisamente diventate incapaci di relazioni durature? Abbiamo dimenticato come amare? O, peggio, in generale, cos'è l'amore?

Non siamo pronti. Non siamo pronti per i sacrifici, per i compromessi, per l'amore incondizionato. Non siamo pronti a fare del nostro meglio per le relazioni. Vogliamo che tutto sia facile.  Un ostacolo è sufficiente per farci cadere le mani. Non permettiamo al nostro amore di crescere, partiamo in anticipo.

Non stiamo cercando l'amore, ma il brivido. Vogliamo qualcuno con cui puoi andare al cinema e al caffè, e non qualcuno che possa capirci, anche quando siamo in silenzio. Trascorriamo del tempo insieme, ma non riusciamo a creare ricordi comuni.

Non vogliamo vivere noiosamente. Non vogliamo un partner per la vita, ma solo con chi saremo felici qui e ora, e questo è molto temporaneo. Quando la passione svanisce, capiamo che nessuno ci ha preparato per la vita ordinaria.

Non crediamo nel fascino della prevedibilità, perché siamo troppo accecati dalla sete di avventura.

Siamo immersi in una vita di città senza senso, senza lasciare spazio all'amore.

Non abbiamo tempo per l'amore, non c'è pazienza per affrontare le relazioni. Siamo impegnati a perseguire sogni materialistici e l'amore non si adatta a questo. Le relazioni non sono altro che comodità.

Cerchiamo gratificazione istantanea in tutto ciò che facciamo: quando pubblichiamo qualcosa online - aspettiamo subito i mi piace, quando scegliamo una professione - stiamo aspettando una carriera e un riconoscimento di successo, quando scegliamo una persona - stiamo aspettando un grande amore. Vogliamo una maturità di relazioni che arriva con il tempo, una connessione emotiva che si sviluppa nel corso degli anni - e lo vogliamo subito, ma non succede così. E non abbiamo tempo e pazienza.

Preferiamo trascorrere un'ora di tempo  con un centinaio di persone che passare un giorno con una persona. Crediamo nell'esistenza di "opzioni". Siamo persone "sociali". Crediamo di più nell'incontrare le persone piuttosto che nel conoscerle. Siamo golosi.

Vogliamo avere tutto Entriamo facilmente in una relazione con la minima attrazione per una persona, e facilmente usciamo da loro non appena troviamo qualcuno migliore. Non vogliamo scoprire il meglio in quest'uomo. Vogliamo che sia perfetto subito. Ne incontriamo molti, ma raramente diamo una possibilità concreta. Siamo delusi in tutto.

La tecnologia ci unisce, così tanto che è impossibile respirare. La nostra presenza fisica è sostituita da messaggi, chat, videochiamate. Non sentiamo il bisogno di trascorrere del tempo insieme. Abbiamo troppo nella nostra vita: in ogni social network, in Skype, in vaiber ...Di  cos'altro possiamo parlare?

Siamo una generazione di pellegrini che non restano a lungo in un posto. Abbiamo paura degli obblighi. Crediamo che non siamo creati per una relazione. Non vogliamo "accontentarci". Anche il pensiero di questo spaventa molti. Non possiamo immaginare come debba essere con una persona fino alla fine della vita. Ce ne stiamo andando. Noi disprezziamo la persistenza come una specie di male sociale. Ci piace credere che non siamo come tutti gli altri. Ci piace credere che non rispettiamo le norme sociali.

Siamo una generazione che si definisce "sessualmente libera". Separiamo il sesso dall'amore, o almeno così pensiamo. Siamo una generazione di sesso e separazione. Prima facciamo sesso e poi decidiamo se vogliamo stare con quest'uomo, fare sesso è come bere qualcosa. Lo fai non perché ami una persona, ma perché vuoi provare piacere, anche solo temporaneamente.

Anche il sesso di lato non è più un tabù. C'è anche il concetto di relazioni libere, amici con privilegi, sesso per una notte, sesso senza obblighi.

Siamo una generazione pratica, guidata solo dalla logica. Non sappiamo più come amare follemente. Non andiamo in fondo al mondo per incontrare la nostra amata. Al contrario, partiamo dalla distanza. Siamo troppo intelligenti per amare.

Siamo una generazione che ha paura: innamorarsi, sposarsi, fallire, provare dolore, spezzarsi il cuore. Non ammettiamo nessuno per noi stessi e non ci avviciniamo a nessuno. Siamo seduti dietro le alte mura che sono state erette attorno al cuore, aspettando l'amore e la corsa, e nascondendo ogni volta che appare all'orizzonte. Non vogliamo essere vulnerabili. Non vogliamo svelare la nostra anima a nessuno.

Non apprezziamo più la relazione. Lasciamo andare anche le persone più belle.

Non c'è nulla che non potremmo sconfiggere in questo mondo. Eppure siamo così indifesi in questo gioco d'amore, il principale tra i sentimenti umani.

Unico è indispensabile ! ! ! 

Tags
emozionirelazionimoderneamoreinstabili