BenessereLa vostra dieta ''sana'' potrebbe uccidere silenziosamente il cervello 

31/05/2018 - 15h

Il cervello si nutre di una dieta ricca di grassi e povera di carboidrati, che sfortunatamente è relativamente rara nelle popolazioni umane oggi. I carboidrati generalmente considerati sani come il riso integrale, il pane integrale o la quinoa, protagonisti di molte delle cucine più sane, causano disturbi come la demenza, l'ADHD, il mal di testa cronico e il morbo di Alzheimer durante una vita di consumo di questi alimenti.

Rimuovendo questi carboidrati dalla dieta i precursori dell'infiammazione, la vera fonte di problemi che affliggono il nostro cervello e il nostro cuore, e aumentando la quantità di grassi e colesterolo che consumiamo, non solo proteggiamo il nostro organo più prezioso ma limitiamo anche potenzialmente i danni.

Il colesterolo, per esempio, a lungo denigrato dai media e dalla comunità medica , in realtà promuove la neurogenesi (la nascita di nuove cellule cerebrali) e la comunicazione tra i neuroni, poiché gli studi hanno dimostrato che livelli più alti di colesterolo nel siero sono correlati con una capacità cognitiva più robusta.

Il consumo di carboidrati porta ad avere elevati livelli di zucchero nel sangue, ovviamente a breve termine, ma anche a lungo termine. Se persistente, sfida il pancreas a secernere insulina per far fronte ai carboidrati nella dieta, in ultima analisi, porta ad una condizione direttamente associata ad un aumentato rischio di demenza. Quel che è peggio è che l'insulino-resistenza è il precursore del diabete di tipo 2, una condizione associata al raddoppio del rischio di Alzheimer.

In un recente rapporto pubblicato sul Journal of Alzheimer's Disease, i ricercatori della Mayo Clinic hanno dimostrato che gli individui che preferiscono i carboidrati nella loro dieta hanno un rischio considerevole dell'89% di sviluppare demenza in contrasto con quelli la cui dieta contiene più grassi. Avere i più alti livelli di assunzione di grassi è stato in realtà associato a un'incredibile riduzione del 44% nel rischio di sviluppare demenza.

I cosiddetti "carboidrati complessi" possono effettivamente rappresentare una minaccia per la salute più significativa rispetto allo zucchero normale perché possono non solo aumentare il livello di zucchero nel sangue ma anche mantenerlo elevato per un periodo di tempo più lungo. Gli alimenti possono essere valutati mediante il loro indice glicemico, che misura non solo quanto elevato livello di zucchero nel sangue sarà aumentato dal consumo di un determinato alimento, ma tiene anche conto di quanto tempo avrà questo effetto.

Pertanto, più alto è l'indice glicemico, più sono dannosi gli effetti della glicemia alta. Il pane integrale, ad esempio, ha un indice glicemico significativamente più alto rispetto allo zucchero da tavola puro. In definitiva, le continue sfide dei nostri corpi con cibi ad alto indice glicemico portano ad un aumento del livello di zucchero nel sangue a digiuno. Questo è di fondamentale importanza, come recentemente pubblicato nel New England Journal of Medicine . In questo rapporto, i ricercatori hanno scoperto che il livello di zucchero nel sangue a digiuno, anche nel range che la maggior parte dei medici considererebbe normale, sono ben al di sotto di quello che sarebbe qualificato per la diagnosi ed è fortemente associato allo sviluppo della demenza.

Tags
benessereattualitàmangiarecibointegraledietasanasalute