NewsLa scienza conferma il pensiero di Dalai Lama sulla causa principale dell'ansia: la paura di non essere necessario!

11/10/2017 - 18h

Il nostro mondo è pieno di problemi. La violenza domina molti luoghi, gli esseri umani sono sempre più egoisti e intolleranti, e anche se molte dottrine predicano l'amore, il rispetto e la compassione, la religione è responsabile di una violenza assordante e di un numero significativo di decessi ogni giorno.

Ci sono più persone che possono costruire una vita stabile.I più piccoli stanno lasciando questo mondo presto, i diritti delle donne e delle minoranze sono un diritto in molti paesi e la libertà di espressione è più praticata. Non siamo al nostro meglio, ma c'è speranza. Eppure c'è rabbia e tensione in molte delle più grandi nazioni del mondo.

Le persone in questi paesi vivono con paura e ansia sul futuro. Questo è perché molti rifugiati provenienti da luoghi in cui il terrorismo e la guerra sono costanti, cercano una vita più umana e pacifica nelle loro terre. Questa migrazione di "strani" persone alla loro terra provoca insicurezza e abbassa i livelli di speranza per una vita migliore. Ma perché questo accade? Secondo un esperimento, gli anziani che non si sentono utili a coloro che li circondano sono tre volte più inclini alla morte prematura di quelli che ritengono di contribuire socialmente.

Questo esperimento sottolinea una verità a cui dobbiamo prestare attenzione: dobbiamo sentirci tutti necessari nella nostra comunità. È importante chiarire, tuttavia, che questo "essere necessario" non ha nulla a che vedere con l'egocentrismo e con la costante necessità di mostrarsi e ottenere approvati. Infatti, si riferisce alla nostra naturale tendenza a servire e curare la gente nella nostra vita. Questa necessità è riassunta dai buddhisti in una frase saggia: "Se qualcuno fa luce agli altri, anche la sua strada si illuminerà". L'importanza della cura e del servizio ai nostri colleghi è confermata da vari studi e studi scientifici.

Gli americani che prestano servizio agli altri hanno una priorità quasi due volte più probabile per sentire e condividere pubblicamente la loro soddisfazione con la loro vita; ei tedeschi che servono il prossimo sono cinque volte più probabili a dimostrare la loro felicità. Il disinteresse e la gioia sono intrecciati. Ciò dimostra che quando facciamo bene agli altri, stiamo davvero illuminando le nostre vite. Quando guardiamo questa dimensione, possiamo avere un'idea di perché i paesi grandi stanno attraversando momenti di dolore e di sofferenza.

Queste nazioni hanno abbondanti ricchezze materiali, ma sempre più persone si sentono inutili, sconnesse dalla società. Questa sensazione diminuisce le nostre vibrazioni e favorisce lo sviluppo di dolori emotivi e di emozioni negative, favorendo l'isolamento sociale. Come agire in queste situazioni? La risposta è personale. Tutti possiamo contribuire al mondo e dobbiamo domandarci ogni giorno che possiamo fare per essere più grati per le nostre benedizioni e per illuminare la vita di chi ci circonda.

La nostra missione come esseri umani è mettere in pratica l'unione e la fraternità attraverso impegni personali quotidiani. Quanto alla responsabilità della cura degli altri è un'abitudine di tutti noi, i leader hanno maggiori opportunità e quindi un maggiore impegno per stimolare il progresso dell'inclusione in tutti i settori della vita, consolidando una società veramente collaborativa che favorisca crescita e adempimento di tutti. È fondamentale che le persone in ruoli di leadership capiscano che una società veramente positiva è quella che offre opportunità per tutti. Opportunità per un'educazione che contribuisce positivamente al successo della vita, allo sviluppo di competenze che portino a una vita tranquilla, alla sicurezza e alla protezione, alla libertà di espressione, alle politiche di inclusione e all'incoraggiamento per lo sviluppo personale e le migliori condizioni di vita.

La missione di costruire questa società non è facile, ci sono molte ideologie diverse che vengono seguite, e nessuno di loro ha tutte le risposte. Per questo motivo dobbiamo sempre ricordare che non sono religioni o pensieri politici che ci uniscono, ma credono nel bene in tutte le sue versioni, contribuendo a un mondo più positivo e giusto per tutti.

Abbiamo già molti problemi che vanno al di là del superficiale, ed è proprio per questo che i nostri rapporti e dialoghi devono essere più significativi. Per evitare di vedere il nostro mondo consumato dall'odio e dalla frustrazione, dobbiamo lavorare insieme per creare un ambiente che nutre positivamente il desiderio naturale umano di sentirsi necessari. Credimi, c'è spazio per tutti!

Tags
PauraAnsiaBuddismoDalai Lama
CONSIGLIATI