CuriositàEsaurimento emotivo: cosa succede quando ti preoccupi troppo delle opinioni degli altri

03/08/2018 - 18h

 Porta con te solo la sicurezza e la certezza delle tue scelte.

Cercare di piacere a tutti è uno sforzo invano. Un'idea che sembra la più corretta, e lo ripetiamo a noi stessi che abbiamo bisogno di persone che accettino le nostre scelte e, se non le accettano, ci adattiamo a ciò che piace. È invano, dal momento che è impossibile accontentare tutti. Qualcuno sarà sempre insoddisfatto della nostra opinione, della nostra posizione e delle nostre scelte.

Sai perché? Perché ogni persona è proprio questo: una persona.

Ma, dopo tutto, è davvero così importante?

Quando cerchiamo di accontentare tutti, preoccupandoci  di ciò che l'altro penserà e dirà su ciascuna delle nostre azioni, ci farà auto-boicottare automaticamente. Prendiamo da noi la nostra vera essenza e smettiamo di essere chi dobbiamo essere secondo gli altri come dei robot, soffocando le nostre emozioni.

Ovviamente questo non resterà impunito.

Il tuo cuore si lamenterà. La tua mente, i tuoi organi, tutto il tuo corpo, in un momento o nell'altro, subirà le conseguenze di questo sforzo per compiacere e preoccuparsi troppo dell'opinione degli altri.

È allora che ci esauriamo emotivamente.

Soffocando i veri desideri che risiedono dentro di noi, uccidiamo noi stessi. E non aspettarti che qualcuno venga e ti aiuti, non aspettarti che capiscano e cambino idea solo per salvarti. Non sprecare il tuo tempo prezioso cercando di dimostrare qualcosa a qualcuno.

Sei responsabile di uscire da quella barca che tende ad affondare completamente da sola.

Pensaci, tutte le persone sono uniche, io sono uno, tu sei un altro, le nostre coscienze sono separate, così come le nostre esperienze e desideri, oltre a ciò che ci porta amore, felicità, pace o tristezza e amarezza. Poche persone rispettano queste differenze, lo so, ma allora, cosa dovremmo fare?

"Ama le persone, ma lascia a loro ciò che è loro." L'ho imparato dalla mia defunta nonna.

Lei, troppo spesso, non era d'accordo con le mie scelte, giudicava il mio comportamento e cercava di cambiare ciò che pensavo di alcune persone e situazioni. E ho portato con me esattamente quello che mi ha insegnato. Ho continuato ad amarla, e non ho lasciato che la sua opinione su qualcosa influenzasse ciò che pensavo di me stesso. Quello che pensava era tutto suo, non mio.

Quando impariamo a separarci gli uni dagli altri, a rispettare e capire la differenza tra le persone, viviamo lo stesso con amore. E questo si traduce in un senso di pace che non confronta nessun altro sentimento.

Quindi, se oggi qualcuno non è d'accordo con il modo in cui una persona si è scelta di togliersi la vita, su chi si è scelto di amare il luogo di lavoro, fregatene, vivi ogni decisione importante che hai preso o intendi prendere, non intimidirti, non arrenderti a seguire ciò in cui credi.

Segui ciò che la tua essenza richiede. E continua ad amare le persone, ma lascia a loro ciò che è loro, e porta con te solo la fiducia e la certezza delle tue scelte.

Tags
esaurimentoemotivostatomentalepersonetestessoopinionialtruivitaamoresentimentilibertàsceltepensieridiversipersonediverseunicitàcomplicità