EmozioniCome trasformare il dolore in una cosa positiva

25/05/2018 - 23h

Tutti hanno provato dolore ad un certo punto della loro vita. Forse stai ancora soffrendo ora, a questo punto della tua vita. O forse stai soffrendo, ma non te ne rendi conto, perché il dolore è stato soppresso. Qualunque sia la tua situazione attuale, sapere come affrontare efficacemente il dolore emotivo è l'abilità più importante che puoi avere nella vita.

Non c'è nulla che ostacoli la felicità più del dolore, e non c'è nulla che ti renda una persona migliore più del dolore. Ma affrontare il dolore non è qualcosa che insegnano a scuola, o chissà dove. Di solito ci viene detto di "superarlo", di smettere di essere un bambino e di farci prescrivere farmaci antidepressivi.

Il dolore non è qualcosa che bisogna giudicare, ne tanto meno qualcosa che bisogna trattare come un nemico. Ecco tre modi per affrontare efficacemente il dolore emotivo:

1. Sentilo totalmente

Senti tutto ciò che senti e stai bene con esso. Non giudicare che sia buono o cattivo, e non giudicare te stesso come troppo debole o troppo codardo per permettergli di sovrastarti. Se lo senti, c'è sempre una ragione valida. I nostri cervelli sono programmati per evitare il dolore e aumentare le nostre possibilità di sopravvivenza nel momento immediato, il che significa che la resistenza è una risposta naturale quando sperimentate dolore interno o disagio emotivo. Quando vedi il tuo passato di resistenza e affronti il mal di testa sollevato, diventerai una nuova persona. Per lo meno sarai più comprensivo, compassionevole e umile. Potresti anche scoprire che il tuo dolore è stato fabbricato dalla tua mente ed esiste solo nel pensiero. In ogni caso, il dolore è in realtà un sistema di guida e una sorta di sistema di allarme spirituale che dice che qualcosa non è giusto. Senti e guarda cosa ti sta mostrando.

2. Comunicalo

Comunica il tuo dolore a qualcuno vicino a te. Un membro della famiglia, un amico o anche un collega. Il 50% del dolore non proviene dalla fonte del dolore, ma da come lo affrontiamo, e comunicarlo è un ottimo modo per spostarlo attraverso il nostro campo energetico ed uscire dall'altra parte. A volte la sola comunicazione cura il dolore. Se il dolore è causato (o è stato causato in passato) da una persona che è ancora nella tua vita, digli come ti ha influenzato. Potresti ricevere delle scuse o non ricevere scuse e trasformarle in combattimento. Se questo si trasforma in un combattimento, avrai l'opportunità di sfogarti su come ti sei sentito ed esprimere le tue emozioni. A volte abbiamo paura di avvicinarci a qualcuno per dire che ci ha fatto del male perché non vogliamo che si traduca tutto in una lotta. Per lo meno, questo ti farà togliere dal tuo petto il peso dei sentimenti. 

3. Trasformalo in azione

C'è sempre il potenziale per trasformare il dolore in un'azione positiva. Dopo un po', devi fare una scelta. O lasciare che il tuo dolore continui a dimorare in te e a devastare la tua mente, anima e corpo, oppure puoi trasformarlo in qualcosa di positivo. Quando senti dolore, pensa a te stesso "Ho mai fatto provare a qualcuno tutto questo?" E se ne hai l'opportunità, chiedi scusa a quella persona e fai pace con lei. Il dolore è infatti uno strumento di servizio e autorealizzazione. Non è qualcosa da evitare, rifiutare o temere. Dovrebbe essere abbracciato e accolto come una parte necessaria dell'esperienza umana. In realtà, non è qualcosa che dovrebbe essere "trattato" come un peso o qualcosa di sconveniente. È davvero una benedizione, e dovrebbe essere onorato come qualcosa che ti spinge in una versione più ampia di te stesso. Ripaga il tuo dolore, sentilo, comunicalo e usalo per ispirarti ad aiutare altre persone. Vivere una buona vita non è vivere senza dolore, è usare il dolore come ispirazione per entrare in un nuovo stadio con una coscienza superiore.

Tags
doloreazionesentimentocomunicazionepassatopresente