AnimaliCome i gatti dicono "Ti amo"...

14/08/2018 - 17h

In effetti parlano di varie cose, però per noi umani è un po' difficile da capire. Perché, naturalmente, non parlano con le parole, parlano nel loro modo con i gesti.

Ed è con un gesto che dicono "Ti amo": ti guardano e ammiccano, molto lentamente.

Questo è tutto. Ben sottile come quasi tutto ciò che fanno, ma anche abbastanza profondo. Per i gatti, che preoccupati della sicurezza e dell'amore si nascondono nelle tane, o chiudono gli occhi in presenza di un altro animale (o umano) è un immenso spettacolo di fiducia. Quindi, quando lo fanno per volere e molto lentamente, guardandoti, è perché vogliono assolutamente dire qualcosa: che ti amano molto e si sentono al sicuro con te.

Colui che ha scoperto per la prima volta l'occhiolino del gatto è stata la comportamentista americana Anitra Frazier. E lei ha scoperto di più: se sbattiamo le palpebre diciamo "Ti amo" ai nostri gatti, e loro di conseguenza potrebbero battere le palpebre ricambiando il "Ti amo"!

Per imparare a battere le ciglia, la punta arriva da Jackson Galaxy: fare pratica davanti allo specchio! 

 Un altro modo per imparare è, ovviamente, guardare i gatti. C'è una grande possibilità che il tuo gattino dichiari il suo amore ogni giorno e tu non lo noti. Basta non confondere il "Ti amo" con gli occhietti che si chiudono per il sonno!

E se il tuo gatto non è ancora pronto per "parlare", non scoraggiarti! Può dimostrare il suo amore in altri modi: salutandoti alla porta, accontentandoti, rimanendo vicino a te, sdraiato in grembo, sul tuo letto, sulla tua tastiera.

Tags
occhiolinogattianimaliamoreamarechiuderesguardomodisalutoportaaccontentaregrembolettotastierascoraggiartiparlarecigliaspecchiopratica