CuriositàCome affrontare la vulnerabilità?

14/05/2018 - 13h

Molte persone pensano che essere una persona vulnerabile sia un aspetto negativo, che alla fine apra la capacità della persona di soffrire e di essere "usato" dagli altri. Questo non è vero.

Essere vulnerabili significa riconoscere la tua umanità, comprendere il tuo lato empatico e sensibile, indirizzare lo sguardo su te stesso e mettere in discussione i tuoi limiti .

Identificare i fattori che scatenano la tua vulnerabilità ci insegna a distinguere ciò che ci rende buoni, ciò che ci ferisce e, soprattutto, gli ostacoli che dobbiamo affrontare nella nostra vita per il miglioramento personale.

La nostra esistenza è troppo breve per perdere tempo a preoccuparci di ciò che gli altri pensano e dicono di noi. Solo noi stessi possiamo sentire e godere di ciò che è vivere nella nostra realtà. Aspettarsi che l'altro riconosca le nostre battaglie, le nostre vittorie, i nostri dolori è un'idealizzazione che sarà facilmente vanificata.

Solo tu hai accesso ai tuoi sentimenti. Non aspettarti la reciprocità dall'altro come forma di idealizzazione, è un'idea utopica, spetta a te capire.

Fai del bene, emani gioie senza volere assolutamente nulla in cambio, fallo da solo e non giustificare i comportamenti degli altri.

E se sei triste? Non mascherare il tuo dolore, sentilo, vivi ogni momento alla volta... ogni momento che passa, tu sei un aggregato di resilienza e saggezza, quindi rispetta i tuoi momenti. Va bene essere triste a volte, arrabbiato o deluso da te stesso e dagli altri, sei umano e questo è un segno di umanità ed empatia del tuo essere.

Conoscendo le tue lotte e le tue vittorie, inizierai a vedere quanto sei importante e unico. Anche se non siamo nulla in questo universo, siamo tutto ciò che abbiamo nel nostro universo. Nietzsche ha già detto che la nostra esistenza sta nei nostri errori e frustrazioni, perché sono questi fattori che ci spingono allo sviluppo e ci permettono di riconoscere ciò che è buono nella nostra vita.

Rispetta te stesso, ama te stesso e soprattutto prenditi cura di te stesso. Prenditi cura della tua anima, del tuo spirito e del tuo corpo. Non prenderti mai cura del tuo corpo perché lo odi, al contrario, abbi cura di sapere che è lui che ti permette di sentire, muoverti e scoprire le piccole sfaccettature della vita. È solo dalla cura fisica legata alla cura introspettiva che raggiungiamo la nostra evoluzione .

Non coprirti così tanto, non sei tenuto a soddisfare le aspettative di nessuno, ma non aspettarti che il mondo superi le tue aspettative.

Goditi ogni momento in cui puoi respirare e abbagliare i piccoli dettagli del mondo.

Senti e analizza le tue vulnerabilità, non perdere tempo a mascherare i tuoi dolori e le tue gioie, concediti di immergerti nell'oceano di emozioni e sentimenti che esistono dentro di te!

Tags
vulnerabilitàvitapersonesentimentiamarsigioiadoloresofferenza